0 Hype

Quando si parla di derby nel mondo del calcio si intendono le stracittadine, cioè le partite di due squadre della stessa città della stessa regione o di altre regioni vicine. Queste poartite sono sempre vissute con molte emozioni e tenzioni dalle tifoserie.

Ci possono essere ragioni di campanilismo, a volte ci sono quasi espressioni di odio  come avviene quando si affrontano per esempio cosenza e catanzaro, varese e lecco, pisa e livorno, savoia e nocerina. atalanta e brescia, ciò determina la presenza di notevoli forze di polizia per sedare gli animi dei tifosi piu’ esagitati. I più famosi derby italiani sono quelli tra roma e lazio, milan e inter, genoa e sampdoria, catania e palermo, torino e juventus, inter e juventus, per citare quelli delle città  più grandi, ma ce ne sono altri di centri minori che, assicuriamo, non sono per nulla inferiori ai più blasonati per partecipazione e tensione vedi ascoli-ancona,verona vicenza, casale pro vercelli, bari lecce, catania messina, cosenza reggina, cavese salernitana, pisa fiorentina.

Il derby della capitale, detto del cupolone, è atteso con spasmodica emozione dalle due tifoserie per determinare la superiorità cittadina ma è anche uno spettacolo nello spettacolo per gli sfotto’ dei tifosi con pittoresche espressioni dialettali quali ”’daje roma”’ o “vola aquila vola dei laziali”’ che continuano anche a partita finita e oltre. Ad ogni modo tranne quache spiacevole episodio isolato i tifosi di roma e lazio tifano l’uno accanto all’altro senza, per questo, degenerare o essere causa di spettacoli che a volte possono diventare riprovevoli, anche perchè nelle stesse famiglie ci sono tifosi dell’una e dell’altra parte.

Ovviamente non è consigliabile per i tifosi della lazio andare nella curva sud tipicamente romanista e viceversa per i romanisti andare nella cuva nord laziale. In realtà il piu’ delle volte è un derby innocuo e pacifico e anche di costume.